Pattern Room

Fotografie di Roxanne Lowit e Giuseppe Varchetta. Con un testo di Marco Belpoliti

30 aprile - 25 maggio 2008


Mercoledì 30 aprile 2008 alle ore 19 aprirà la mostra fotografica Pattern Room. Fotografie di Roxanne Lowit e Giuseppe Varchetta, con un testo di Marco Belpoliti, presso la Collezione Maramotti. All’apertura saranno presenti gli autori.
Il titolo dell’esposizione è aperto, volutamente evocativo.
Richiama inoltre l’antica funzione dei locali in cui la mostra è allestita: l’ideazione e la realizzazione di prototipi e modelli, quando l’edificio era fabbrica di produzione Max Mara.

La mostra si inserisce all’interno della manifestazione Fotografia europea, organizzata dall’amministrazione cittadina, che quest’anno è alla sua terza edizione e ha come tema il corpo nel suo aspetto multisensoriale.

Le immagini di Roxanne Lowit e di Giuseppe Varchetta sono due diversi sguardi che documentano, interpretandole, le intriganti relazioni tra il corpo delle opere, degli artisti e dei visitatori nello spazio espositivo, scatti realizzati in occasione dell’opening della Collezione. La mostra vuole evidenziare questo complesso sistema di relazioni di forze e di energie che si potenzia nei reciproci rispecchiamenti.
Un testo critico di Marco Belpoliti accompagna e commenta il lavoro dei due fotografi, proponendo una riflessione sulla triangolazione autore, opera, visitatore e sul ruolo del fotografo.

Gli scatti di Roxanne Lowit rendono protagonisti i corpi, trasformando in icona l’artista dinnanzi al proprio lavoro oppure “rubando” insolite confidenze fra artisti e opere in un gioco di libere ed eleganti narrazioni. Lei stessa dichiara: “Le nove fotografie scelte mostrano non solo gli artisti, i loro lavori e le proprie muse, ma anche gli spettatori che interagiscono con le opere, immortalando lo spirito del momento –l’interazione tra macchina fotografica e soggetto, tra artista e musa, tra me e voi.
Sono ora completamente ritornata ai “patterns” (“modelli”, “fantasie”, “disegni”), avendo io cominciato la mia carriera disegnando fantasie come designer tessile. Fui felicemente fuorviata da una macchina fotografica che mi ha oggi riportato alla “modelleria” in cui una volta i modelli venivano tagliati e dove il percorso della creatività continua”.

Le immagini rigorosamente in bianco e nero di Giuseppe Varchetta riprendono spazi rarefatti, ma densi di significato e fissano le energie sottili che corrono tra corpi che si tangono: quelli dei visitatori e quelli delle opere, consegnandoci identità inedite delle opere stesse, ogni volta rinnovate dalle differenti percezioni di chi guarda.

 

Selezione rassegna stampa

M. Lenzi, Roxanne Lowit, Giuseppe Varchetta, Pattern Room, in "Artkey", n. 5, giu./lug. 2008

F. Baboni, Roxanne Lowit, Giuseppe Varchetta, Reggio Emilia Collezione Maramotti, in "Exibart.com", 22 maggio 2008
 

  • Immagine guida
  • Statement
  • In opera