Hannah Rickards

No, there was no red.

25 ottobre 2009 - 7 ottobre 2010*

*Prorogata fino al 30 novembre 

Hannah Rickards, vincitrice del Max Mara Art Prize for Women 2007 – 2009, presenterà la sua nuova opera dal titolo No, there was no red. in private preview il 24 ottobre 2009 alle 18.00 presso la Collezione Maramotti. Oltre all’artista interverranno Iwona Blazwick, direttrice della Whitechapel Gallery e Bina von Stauffenberg, curatrice e critica. Alla presentazione dell’opera seguirà una conversazione tra Hannah Rickards e Marinella Paderni.
L’opera di Rickards, presentata nel mese di settembre alla Whitechapel e acquisita dalla Collezione Maramotti, sarà visibile nella Pattern Room della Collezione dal 25 al 31 ottobre 2009 e, successivamente, sarà in esposizione semipermanente dal 12 novembre 2009.
No, there was no red., un filmato su due schermi, consiste in racconti orali sull'immagine di una città che appare sul lago Michigan per un raro effetto ottico legato al fenomeno di inversione termica. Le differenze soggettive, le affinità, gli echi e contrappunti di questi racconti compongono la centralità dell'opera.

Hannah Rickards spesso esplora nelle sue opere il modo in cui i fenomeni naturali vengono percepiti e descritti. In Thunder (2005) prolunga per 7 minuti una registrazione di otto secondi del rombo di un tuono, poi trasformata in una partitura sonora dal compositore David Murphy. La partitura è stata registrata e successivamente riportata alla lunghezza originale del tuono. Un'altra installazione, esposta presso The Showroom nel 2007, si sviluppa attorno ai resoconti di persone che riferivano di aver udito il suono dell'Aurora boreale.

Come vincitrice del premio Max Mara Art Prize for Women, a Rickards è stata offerta una residenza di sei mesi in Italia, passata presso l'Accademia Americana di Roma e la Fondazione Pistoletto di Biella. Tutto questo, oltre al finanziamento previsto dal premio e sostenuto dalla National Lottery attraverso l'Arts Council England, ha permesso a Rickards di dedicarsi alla ricerca e allo sviluppo della sua opera.

Luigi Maramotti, presidente del gruppo Max Mara, ha commentato “Sono felice che Hannah abbia raggiunto gli obiettivi specifici che si era prefissa, con la realizzazione di questo film straordinario. Esso corrisponde appieno alle finalità del Premio, che intende sostenere artiste donne offrendo loro spazi e tempo da dedicare alla creazione artistica. Hannah Rickards è un'artista di raro talento e sono convinto che il Max Mara Art Prize for Women le abbia consentito di contribuire ad esprimere il suo potenziale e la sua creatività”.

“Rickards esplora il desiderio umano di dire l'indicibile…”
Coline Millard, Nought to Sixty, Institute of Contemporary Art, agosto 2008


Selezione rassegna stampa

M. Paderni, Hannah Rickards, in "Flash Art", n. 279, dic. 2009/gen. 2010

E. Desiderio, Max Mara, premio "rosa" all'arte, in "La Nazione", 29 ott. 2009

D. Scudero, Hannah Rickards. No, there was no red., in "Luxflux.net", ott. 2009

C. Zampetti, Maramotti si presenta alla City, in "Il Sole 24 Ore Plus", 12 set. 2009

  • Immagine guida
  • Testi e Contributi
  • In opera
  • Opening